Piccole imprese: consigli per aiutare l’imprenditore locale

Il piccolo commercio è sempre stato lì. Fa parte del tessuto della nostra economia di quartiere, ma sfortunatamente sta morendo a causa della globalizzazione e le abitudini di consumo che ci spingono sempre di più al «tutto e subito».
Può sembrare che per i consumatori questo non abbia nessuna importanza, ma non c’è niente di più sbagliato. 
Il commercio di quartiere apporta molteplici vantaggi che non possono offrire invece le grandi corporazioni: vicinanza, confidenza, prodotto locale e una personalità tutta nostra. E inoltre, oggigiorno, hanno gli strumenti tecnologici per essere perfettamente competitivi e darci ciò che altri più grandi non offrono.
Perciò, tocca a noi far sì che queste piccole aziende di tutta la vita continuino con noi, e in questo articolo ti mostriamo come poter riuscirci.

Piccole imprese: perché hanno bisogno del nostro aiuto

Nel contesto economico attuale siamo più che abituati al proliferare di grandi aziende di carattere internazionale, catene di negozi e franchising che si accaparrano l’attenzione della maggior parte dei consumatori, in modo tale che per i nostri acquisti quotidiani ci rechiamo sempre da queste aziende e, quando abbiamo bisogno di un servizio di qualsiasi tipo di solito, sono loro che ce li offrono. 
Questo, di base, comporta molti vantaggi per noi come utenti, come per esempio la rapidità nelle consegne, un’ampia gamma di prodotti e servizi a nostra disposizione e una politica di restituzione flessibile ed efficiente
Ma non dobbiamo dimenticare che il commercio di prossimità è un fattore importante che genera ricchezza e crea lavoro attorno a noi. Pensa: la maggior parte dei benefici che generano le grandi corporazioni non finisce nel nostro quartiere, ma in luoghi molto lontani che cui non abbiamo quasi nessuna relazione. Alla lunga, in cosa ci aiuta questo? 
Come consumatori, il ruolo di ognuno di noi nella sopravvivenza del commercio locale è fondamentale. 
E se molti dei piccoli negozi che abbiamo vicino già hanno a disposizione un sistema di restituzione, consegna rapida e un catalogo online aggiornato e all’altezza di molte di queste grandi aziende internazionali… perché non compriamo da loro e lasciamo questa ricchezza a casa nostra?

E’ chiaro che è necessario cambiare la nostra mentalità , e per questo ti offriamo 6 consigli per aiutare i negozi che hai vicino a te. Se diamo tutti un contributo, ci guadagneranno loro ma anche noi: avremo un servizio più vicino, condizioni migliori di impiego locale e quartieri con personalità commerciale propria

6 consigli per aiutare il commercio di prossimità

Aiutare le piccole aziende è molto facile, bisogna solo sapere da dove iniziare. Comincia seguendo questi passi: 

1. Regala esperienze

Molte delle attività che hai vicino offrono pacchetti di esperienze che puoi comprare per regalarle a chi vuoi: offerte di massaggi, un mese di palestra gratuito, sessioni di spa in regalo, lezioni di inglese gratuite, ecc. 
Perché non compri uno di questi pacchetti nel centro sportivo, accademia o clinica in cui vai normalmente? Farai un figurone con questa persona così speciale e farai in modo che conosca le attività locali e goda di tutto quello che offrono. 

2. Lascia una recensione positiva i loro servizi

Te lo dicevamo prima. Attualmente, sono sempre più numerose le aziende locali che sono tecnologicamente al passo: tra le altre cose, sono presenti in internet e reti sociali, per cui poter contare sulle recensioni positive dei propri utenti è un punto a loro favore che non devono lasciarsi scappare.
Se sei contenta/o delle attività e centri del tuo quartiere, fai in modo che lo sappia tutto il mondo: lascia una recensione positiva su Google spiegando i vantaggi del recarsi in questa azienda e dell’ottimo servizio che offre. Puoi anche fare un salto sulle loro reti sociali, lasciare buoni commenti nelle loro pubblicazioni e condividerle con i tuoi contatti.
Spargi la voce! 

3. Cancella con sufficiente preavviso

Per un’attività nella quale si richiede un appuntamento, è un problema se un utente con prenotazione la cancella all’ultimo minuto. Con TIMP questo si risolve nella maggior parte dei casi con il mettersi in coda, che attraverso l’app, assegna automaticamente il posto che si libera ai clienti che erano in attesa. 
Nonostante ciò, non è mai sbagliato provare ad avvisare il centro con il preavviso sufficiente. Questo gli permetterà di coprire sempre questo posto libero che hai lasciato e non arrecherà loro danni economici.  

4. Prima di cancellare la tua iscrizione… sicuro di non avere un minuto libero? 

Ci sono clienti che di fronte ad un’agenda molto piena, decidono di non continuare con la propria iscrizione al centro.
Anche se ci sono casi in cui realmente non c’è altra possibilità, nella maggior parte delle situazioni si può trovare del tempo libero per recarti al tuo centro preferito di pilates, yoga, allenamento o salute. Perciò, se puoi, trova un po’ di spazio in agenda e non cancellare il tuo abbonamento.
La tua salute e benessere ti ringrazieranno, e le attività attorno a te, anche.

5. Compra i loro prodotti

Sia che si tratti di un supermercato che di un centro in cui si offrono servizi ed anche l’acquisto di prodotti, comprali lì, nel tuo quartiere.  
Molte volte troverai articoli che non sono nel catalogo delle grandi superfici e 
marketplaces online, senza parlare dei modi e del trattamento personalizzato che riceverai in un negozio o centro di prossimità

6. Invita i tuoi amici

Se qualcosa è buono, che lo sfrutti più gente possibile. Perciò, se il centro in cui vai offre promozioni per clienti suggeriti, approfittane senza indugi ed invita i tuoi amici a passare da lì.
Di solito, se alla fine diventano clienti anche loro, sia i tuoi amici che tu, potrete usufruire di qualche sconto di cortesia del centro.   
E se l’azienda non ha a disposizione questo tipo di pacchetti, non ti preoccupare. Sicuramente ti ringrazieranno in un modo o nell’altro per aver portato nuovi clienti. 

Conclusione

Già lo hai visto. Aiutare le attività del tuo quartiere non ti costa niente, e sia loro che tu ne guadagnerete.  
Forse anni fa, le grandi corporazioni erano capaci di offrirci servizi diversi che non trovavamo nei piccoli negozi, come la consegna in tempo record.  
Ma le regole del gioco sono cambiate: seguendo questo esempio, oggi perfino il negozio all’angolo ti invia qualsiasi prodotto a casa tua in un batter d’occhio. E cosa più importante: in più ti offre vantaggi che le grandi catene difficilmente possono offrirti, così che non ci sono più scuse. 
Rechiamoci di più nei piccoli negozi e sosterremo l’imprenditore locale in modo che possa continuare, con tutti i vantaggi che questo ci offre. In TIMP ne teniamo conto fin dall’inizio e cresciamo al loro fianco.  
E tu, vuoi supportare il commercio di prossimità? 

Un resumen de lo que te interesa

Recibe en tu bandeja de entrada todas las novedades sobre gestión y tendencias en el sector del fitness y el wellness.